Copenaghen

  • Giovedì, 15 Novembre 2018 - 21:00

con Umberto Orsini e Massimo Popolizio

e con Giuliana Lojodice

di Michael Frayn

scene Giacomo Andrico

costumi Gabriele Mayer

luci Carlo Pediani

regia Mauro Avogadro

In un luogo che ricorda un’aula di fisica, immersi in un’atmosfera quasi irreale, tre persone, due uomini e una donna, parlano di cose accadute in un lontano passato; quando tutti e tre erano ancora vivi. Sono Niels Bohr (Orsini), sua moglie Margrethe (Lojodice) e Werner Karl Heisenberg (Popolizio).
Il loro tentativo è di chiarire che cosa avvenne nel 1941 a Copenaghen, quando improvvisamente il fisico tedesco Heisenberg fece visita al suo maestro Bohr in una Danimarca occupata dai nazisti. Entrambi coinvolti nella ricerca scientifica, ma su fronti opposti, probabilmente vicini a un traguardo che avrebbe portato alla bomba atomica, i due scienziati ebbero una conversazione nel giardino della casa di Bohr.
Il soggetto di quella conversazione ancora oggi resta un mistero e per risolverlo la Storia ha avanzato svariate ipotesi. Perché l’allievo andò a Copenaghen a trovare il suo maestro? Essendo Heisenberg a capo del programma nucleare militare tedesco voleva, in nome della vecchia amicizia, offrire a Bohr, che era mezzo ebreo, l’appoggio politico della Gestapo in cambio di qualche segreto? O al contrario essendo mosso da scrupoli morali, anche se tormentato dalle conseguenze che sarebbero potute ricadere sul destino della sua patria martoriata e che lui amava pur non essendo nazista, tentava di rallentare il programma tedesco fornendo a Bohr, che era schierato con gli alleati, informazioni sull’applicazione dei fondamenti teorici della fissione?

La grande lezione del teatro inglese che sa arrivare al cuore del pubblico, attraverso un tema apparentemente difficile come quello del dibattito scientifico, lascia stupefatti ...” (F. Quadri, La Repubblica).

È raro che un cronista di cose teatrali si arrischi a tanto; è raro che dica, senza mezzi termini, andate a vedere questo spettacolo, andatelo a vedere tutti, in specie voi che non andate mai a teatro, voi che lo detestate, o credete di detestarlo. (...) Copenaghen è teatro di una semplicità disarmante e di una intensità espressiva senza pari.
(F. Cordelli, Corriere della Sera)

€ 19 - € 23
produzione Compagnia Umberto Orsini e Teatro di Roma – Teatro Nazionale, in co-produzione con CSS Teatro stabile di innovazione del Friuli-Venezia Giulia